TUMORE: Scoperta la pianta che lo uccide se combinata col ferro.
Cronaca

L’esperienza: “Io guarito in 48 ore

Esisterebbe un’erba il cui principio attivo combinato con il ferro sarebbe in grado di uccidere il tumore in sole 16 ore. Il nome di questa pianta è Artemisia annua.

Come già sappiamo,il cancro è la malattia più letale esistente. Gli scienziati cercano costantemente di trovare una cura e, infine, porre fine al cancro. Questa erba ,l’ Artemisia annua, potrebbe uccidere fino al 98% delle cellule tumorali in appena 16 ore. Secondo le ricerche pubblicate in “Life Science”, l’artemisinina, derivata dall’Artemisia annua, è stata utilizzata nella medicina cinese e può uccidere il 98% di cellule del cancro del polmone in meno di 16 ore.
 In realtà l’erba in questione da sola sconfigge il 28% delle cellule cancerogene,è la sua combinazione con il ferro che porta alla totale distruzione del tumore.

Leggi tutto...
 
Illegalità e degrado, "Basta!": il M5S chiede aiuto ai cittadini
Cronaca di Roma

Illegalità e degrado, "Basta!": il M5S chiede aiuto ai cittadini
Di fronte al proliferare di bancarelle, ai cumuli d'immondizia, alle auto in terza fila, il M5S pone una domanda ai romani:"Tu, cosa sei disposto a fare?"

Illegalità e degrado, "Basta!": il M5S chiede aiuto ai cittadini

Una lettera accorata. Un invito alla responsabilità ed alla partecipazione. Ecco come definire l’iniziativa che il Consigliere del Municipio VII Andrea Coia, del Movimento a Cinque Stelle, ha deciso d’intraprendere. Scrivendo una lettera rivolta ai cittadini. “Vi scrivo per le numerose segnalazioni ricevute in merito ad un problema trasversale che ci colpisce tutti indiscriminatamente” esordisce la missiva.

UNA SITUAZIONE INTOLLERABILE - In realtà il Consigliere “grillino" sembra far riferimento ad una pluralità di problematiche che, nell’insieme, hanno innescato “una situazione divenuta intollerabile: ogni giorno ci alziamo e vediamo cumuli di immondizia che debordano dai cassonetti e rovinano la meravigliosa immagine della nostra amata città. Vediamo auto in seconda e terza fila che rallentano la viabilità e tengono prigionieri negozianti e cittadini rispettosi della legge - fa notare il Consigliere  -ogni giorno ci alziamo e vediamo bancarelle e frutterie che tengono in ostaggio interi quartieri recando intralcio alla circolazione e danno agli altri esercizi commerciali.Ogni giorno ci alziamo e vediamo furti e scippi che colpiscono anche i più deboli e poveri”.

RESPONSABILITA'  E PARTECIPAZIONE - Cosa fare dunque di fronte alle problematiche evidenziate? “E’ il momento di dire basta! Basta alla prevaricazione, basta alla maleducazione, basta alla criminalità”. Il segnale di discontinuità rispetto a quanto sta accadendo “non in qualche remoto paese del mondo,  e neppure a qualcuno che non conosciamo, perché –eccepisce Coia - avviene nella nostra città ed a noi” sembra volersi indirizzare ad un’intera comunità. “ Io mi sono chiesto  cosa posso fare per cambiare questa situazione e quindi  mi metto a disposizione come cittadino e come consigliere per denunciare il problema e trovare possibili soluzioni politiche e tecniche.  Ora la domanda è – conclude il Consigliere del Movimento 5 Stelle – Tu, che cosa sei disposto a fare ?”



 
Arsenico nell’acqua
Cronaca

Quello dell’Arsenico nelle acque potabili italiane è stato un tema molto caldo, a causa anche degli sforamenti dei limiti in molte città italiane. L’Unione Europea ha imposto un limite di 10 microgrammi per litro (valido sia per le acque minerali che per quelle destinate al consumo umano) sotto il quale l’acqua può considerarsi sicura sia per adulti che per neonati. L’Arsenico è classificato dall’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro come elemento cancerogeno certo di classe 1, e posto in diretta correlazione con molte patologie oncologiche, e in particolare con il tumore del polmone, della vescica, del rene e della cute. L’assunzione cronica di arsenico, soprattutto attraverso acqua contaminata, è indicata, da una rilevante documentazione scientifica, anche quale responsabile di patologie cardiovascolari, neurologiche, diabete, lesioni cutanee, disturbi respiratori, disturbi della sfera riproduttiva e malattie ematologiche.

Una indagine realizzata nell’ambito del progetto Atlante Europeo dell’EuroGeoSurveys Geochemistry Expert Group  ha permesso di conoscere tutti i dati relativi alla composizione delle acque minerali europee. Nel caso di quelle italiane è stato quindi possibile conoscere tra gli altri, anche il valore per litro del tanto discusso Arsenico. Dopo il nostro ‘Speciale‘ dedicato alle acque minerali naturali con il minor residuo fisso, ecco l’elenco delle principali acque minerali e loro contenuto in Arsenico (ricordando che per tutte le acque minerali italiane prese in esame, in nessuna è stato riscontrato un valore superiore ai 10 microgrammi per litro).

Leggi tutto...
 
I 5 stadi dell’ubriachezza
Strano ma Vero

Queste foto sono state scattate da Charles Percy Pickering, all’incirca nel 1865 con lo scopo di far desistere gli uomini dal bere. Una sorta di pubblicità progresso involontariamente comica, commissionata dal gruppo del New South Wales, che ha per protagonista un giovane che chiameremo Mr. Barba, non troppo dissimile dai tipi che oggi frequentano club e si finiscono di Gin Tonic alla ricerca della visione.

Leggi tutto...
 
Che porta sei!!
Strano ma Vero

Test di personalità: quale porta apriresti se ti trovassi di fronte a una scelta forzata? Scegli quale e conoscerai te stesso. La porta rappresenta il passaggio da un luogo (non necessariamente tangibile) a un altro. Whitman parlava delle porte della percezione (e anche i Doors).

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

More Info

Statistiche

Utenti : 29
Contenuti : 885
Tot. visite contenuti : 1098186

Commenti Articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information