02

Mar

2010

Regionali Lazio, centrodestra nel caos bocciata anche la lista della Polverini
Scritto da Administrator   
Questo articolo e' stato letto: 663 volte
ROMA - Dopo quella del Pdl resta fuori anche la lista di Renata Polverini. Si profila un vero e proprio disastro politico-organizzativo quello del centrodestra alle prese con le Regionali del Lazio. Il listino della sindacalista, mancante di una della firma di uno dei rappresentanti di lista, non sarebbe stato ammesso alle elezioni regionali dall'ufficio centrale elettorale della Corte d'Appello. La lista, invece, sarebbe stata  bocciata avendo un simbolo troppo simile a quello di Fabio Polverini, candidato di una lista collegata a Forza Nuova di Roberto Fiore. Mentre la lista di Renata Polverini ha un simbolo rosso con il tricolore sotto, quello di Fabio Polverini ha la scritta Fabio in rosso e Polverini in bianco con la dicitura candidato per la regione Lazio. La lista con la candidatura di Fabio Polverini è stata presentata prima.


In mattinata, commentando lo stop (in attesa della pronuncia del Tar) alla lista del Pdl, la candidata del centrodestra alla presidenza della Regione Lazio ostentava ottimismo. "Non c'e' uno scenario peggiore - dice la sindacalista prestata alla politica - io sono candidata, ci sono altre liste ad iniziare dalla mia lista civica. I cittadini possono scegliere il presidente e le liste che sostengono la coalizione e, ne sono sicura, ci sara' anche quella del Pdl".

"Noi continuiamo a richiamare l'attenzione, - continua la Polverini - con questa maratona oratoria di tutti i cittadini che ieri hanno chiesto di superare la burocrazia per dare a tutti la possibilita' di trovare il proprio simbolo, quindi anche quello del Pdl. Noi continuiamo a prescindere". Senza ripetere l'invito, accolto con freddezza dal Colle, che chiedeva a Napolitano di intervenire: "'Giustamente si e' detto molto preoccupato. Credo che questo possa e debba avere un peso".

Ottimista anche Ignazio La Russa che mette sullo stesso piano lo stop alla lista del Pdl nel Lazio e la situazione lombarda dove la lista del governatore uscente Roberto Formigoni non e' stata ammessa perche' nelle tradizionali verifiche d'ufficio sono state invalidate 514 firme. "Sono convintissimo che nell'uno e nell'altro caso la burocrazia cedera' alla liberta' di voto - dice il ministro della Difesa ad Affaritaliani.It - E' giusto far rispettare le regole, ma a Milano si tratta di formalismi e a Roma di un'interpretazione sbagliata''.

Ancor più netto il presidente dei deputati del Pdl, Fabrizio Cicchitto: "Ci sembra evidente che è in atto un attacco mirato alla presentazione delle liste del PdL in modo da modificare anche per quella via i rapporti politici". Che qualcosa, però, non vada come dovrebbe nel Pdl lo confermano le parole del ministro per l'Attuazione del programma, Gianfranco Rotondi: "Sono il primo a criticare i dirigenti del Pdl che hanno presentato le liste a poche ore della chiusura. Nel Pdl saranno presi provvedimenti in merito, bisogna avviarsi verso una regolamentazione giuridica dei partiti".



Condividi questo articolo sul tuo social network
 
Ultimo aggiornamento Venerdì 05 Marzo 2010 17:42
 
More Info

Statistiche

Utenti : 30
Contenuti : 887
Tot. visite contenuti : 1290993

Commenti Articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information