27

Ago

2012

Guardia medica? Troppa fatica
Scritto da Administrator   
Questo articolo e' stato letto: 741 volte
Le graduatorie sono state pubblicate dall’Asl il 22 agosto scorso. Con un risultato ben poco incoraggiante. Perché se per la guardia medica di Milano servirebbero almeno 300 medici — un numero potenziale di posti, in base al rapporto di un dottore ogni 5mila abitanti stabilito dal ministero della Salute — all’ultimo concorso si sono presentati solo in 99. Di questi, tre non sono stati ammessi nella graduatoria stilata da corso Italia. Risultato: solo 96 medici, alla fine, prenderanno servizio. Di questi uno su cinque è straniero: Russia, Moldavia, Romania e Marocco i Paesi di provenienza di questi dottori, che spesso hanno ottenuto da poco il riconoscimento del proprio titolo di studio in Italia. E che scelgono di lavorare nella continuità assistenziale per fare esperienza e aumentare il proprio punteggio in vista di futuri concorsi. «Questa situazione — dicono i sindacati dei camici bianchi — va avanti da anni: i medici di continuità assistenziale lavorano molto e sono pagati con tariffe orarie ridotte. Di fatto, molti ritengono che non valga la pena seguire questa strada». Ogni anno l’assessorato alla Sanità, calcolatrice alla mano, fa i conti di quanti medici di continuità assistenziale servano in Lombardia. In pratica, mappa tutto il territorio e stabilisce il fabbisogno assistenziale di ciascuna provincia in base al numero dei residenti e dei medici già presenti. Circa 300 quelli che servirebbero a Milano, dove oltre al milione e 200mila residenti da curare
ci sono centinaia di migliaia di non residenti. Da qui il numero di ore (più alto rispetto agli anni passati) messo a bando dall’ultimo concorso regionale, pubblicato il 26 aprile: 6.528 per Milano città, oltre 10mila in provincia. Un terzo del fabbisogno regionale: in tutta la Lombardia sono quasi 30mila le ore oggetto del concorso.

«Ma a Milano le condizioni di lavoro sono molto pesanti — afferma Roberto Carlo Rossi, presidente regionale del sindacato Snami — Il rapporto tra medici e cittadinanza è molto alto e la quota standard di 5mila pazienti per ogni dottore difficilmente è mantenuta: è da molto tempo che ci battiamo perché i livelli prescritti dalla legge siano rispettati». Il servizio viene gestito da una centrale operativa che riceve le chiamate e invia il medico dal paziente: per ogni turno sono in servizio 15-20 dottori in tutta la città, contattati soprattutto dopo la mezzanotte (fino ad allora sono attivi tre ambulatori dell’Asl) e nei giorni festivi.


Condividi questo articolo sul tuo social network
 
 
More Info

Statistiche

Utenti : 30
Contenuti : 887
Tot. visite contenuti : 1201474

Commenti Articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information