16

Dic

2013

Roma di nuovo a targhe alterne da martedì 17 dicembre
Scritto da Administrator   
Questo articolo e' stato letto: 450 volte

Lo smog capitolino continua a mandare in tilt le centraline di monitoraggio, il ritorno delle Targhe alterne può partire da martedì ed estendersi sino a venerdì, mentre continuano a star fermi i veicoli più inquinati, con le solite eccezioni.

Dodici giorni consecutivi di polveri sottili ben al di sopra del limite stabilito dalla legge di 50 microgrammi per metro cubo, e previsioni fornite dall’ARPA Lazio che estendono ai prossimi giorni la permanenza di elevate concentrazione degli inquinanti, dovrebbero far scattare il blocco totale della circolazione.

 

Con gli sforamenti registrati dalle centraline di Preneste (53 microgrammi per metrocubo), corso Francia (56), Cinecittà (59), Cavaliere (65), Arenula (54) e Malagrotta (59), il piano di intervento operativo del Comune (Pio), approvato dalla precedente giunta, nel rispetto delle leggi nazionali e regionali, prescrive di passare a provvedimenti più restrittivi dopo sette giorni di superamento, e le targhe alterne incapaci di far rientrare gli inquinanti nella norma.

Visto però che è quasi Natale, e il provvedimento nuocerebbe allo shopping delle feste, continueremo ancora un po’ con i provvedimenti inutili a contenerli e ridurli usati sino ad ora, fermando di nuovo i veicoli più inquinanti oggi, tornando di nuovo alle targhe alterne da domani.

Non è ancora ufficiale, ma in ottemperanza al Piano di Intervento Operativo (Deliberazione Giunta Comunale n.242 del 19.07.2011), nei giorni di martedì 17 e mercoledì 18 dicembre 2013 potrebbe scattare il provvedimento di limitazione della circolazione veicolare a “targhe alterne”, tendente al raddoppio sino a venerdì. Tutto dipende dalle condizioni atmosferiche delle prossime ore.

Martedì 17 dicembre, si riparte con i veicoli provvisti di targa il cui numero finale sia dispari, alle quali è vietato circolare nella “Fascia Verde” del P.G.T.U., dalle 8.30 alle 14 e dalle 15.30 alle 20, quindi un ora in più mentre continuano a star fermi i veicoli più inquinanti, dalle ore 7.30 alle ore 20.30.

A fare eccezione sono i veicoli di categoria “Euro 5″, ciclomotori a 2 ruote 4 tempi “Euro 2″, i motocicli “Euro 3″, insieme a:

    Categorie esentate dal provvedimento di limitazione della circolazione veicolare a targhe alterne, nella Fascia Verde, tra le 8.30 e le 13.30 e tra le 16.30 e le 20.30

    1. veicoli a trazione elettrica e ibridi;
    2. veicoli alimentati a metano e a GPL;
    3. autoveicoli ad accensione comandata (benzina) EURO “5”;
    4. autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) EURO “5”;
    5. ciclomotori a 2 ruote con motore 4 tempi EURO “2”;
    6. motocicli a 4 Tempi EURO “3”;
    7. veicoli adibiti a servizio di polizia e sicurezza, emergenza anche sociale,
    ivi compreso il soccorso, anche stradale, e il trasporto salme;
    8. veicoli adibiti a servizi manutentivi di Pronto Intervento e pubblica utilità
    (come ad es. acqua, luce, gas, telefono, ascensori, impianti di
    sicurezza, impianti di regolazione del traffico, impianti ferroviari, impianti
    di riscaldamento e di climatizzazione) che risultino individuabili, o con
    adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro;
    9. veicoli adibiti al trasporto, smaltimento rifiuti e tutela igienico ambientale,
    alla gestione emergenziale del verde, alla Protezione civile e agli
    interventi di urgente ripristino del decoro urbano;
    10.autoveicoli per il trasporto collettivo pubblico e privato;
    11. taxi ed autovetture in servizio di noleggio con conducente, dotati di
    concessioni comunali;
    12. autoveicoli adibiti a car sharing, car pooling, servizi Piano Spostamenti Casa Lavoro (PSCL) attivati sulla base di appositi provvedimenti del Ministero dell’Ambiente e del Territorio e del Mare o dell’Amministrazione comunale di Roma;
    13. veicoli con targa C.D., S.C.V. e C.V.;
    14. veicoli muniti del contrassegno per persone invalide previsto dal D.P.R. 503 del 24 luglio 1996;
    15. autoveicoli impiegati dai medici e veterinari in visita domiciliare urgente,
    muniti del contrassegno rilasciato dal rispettivo Ordine; autoveicoli impiegati da paramedici in servizio di assistenza domiciliare con
    attestazione rilasciata dalla struttura pubblica o privata di appartenenza;
    16. autoveicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili o trattamenti sanitari per la cura di malattie
    gravi, in grado di esibire la relativa certificazione medica;
    17. autoveicoli adibiti al trasporto di persone sottoposte a misure di sicurezza;
    18. autoveicoli adibiti al trasporto di generi alimentari deperibili, alla distribuzione di stampa periodica e di invii postali;
    19. veicoli aventi massa massima non superiore a 3,5 tonnellate, adibiti al trasporto di medicinali e/o trasporto di materiale sanitario di uso urgente e indifferibile adeguatamente certificato, nonché al trasporto di valori.

Ammesso che i vigili della Polizia di Roma Capitale non siano di nuovo in assemblea e impossibilitati a controllare la fluidificazione del traffico (o l’intasamento), i trasgressori possono aspettarsi controlli serrati e sanzioni di 155 euro.



Condividi questo articolo sul tuo social network
 
Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Dicembre 2013 13:52
 
More Info

Statistiche

Utenti : 30
Contenuti : 887
Tot. visite contenuti : 1220330

Commenti Articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information