Cronaca
Natale 1914
Scritto da Administrator   
Giovedì 04 Dicembre 2014 13:35

Qui di seguito, la lettera di un soldato inglese che ne scrisse alla sorella.

Giorno di Natale 1914.

Janet, sorella cara, sono le due del mattino e la maggior parte degli uomini dormono nelle loro buche, ma io non posso addormentarmi se prima non ti scrivo dei meravigliosi avvenimenti della vigilia di Natale.
In verità, ciò che è avvenuto è quasi una fiaba, e se non l’avessi visto coi miei occhi non ci crederei. Prova a immaginare: mentre tu e la famiglia cantavate gli inni davanti al focolare a Londra, io ho fatto lo stesso con i soldati nemici qui nei campi di battaglia di Francia!
Come ti ho già scritto, negli ultimi giorni ci sono stati pochi combattimenti gravi. Le prime battaglie hanno fatto tanti morti, che entrambe le parti si sono trincerate, in attesa dei rincalzi. Sicché per lo più siamo rimasti nelle trincee ad aspettare.
Ma che attesa tremenda! Ci aspettiamo ogni momento che un obice d’artiglieria ci cada addosso, ammazzando e mutilando uomini. E di giorno non osiamo alzare la testa fuori dalla terra, per paura del cecchino.
E poi la pioggia: cade quasi ogni giorno. Naturalmente si raccoglie proprio nelle trincee, da cui dobbiamo aggottarla con pentole e padelle. E con la pioggia è venuto il fango, profondo un piede e più. S’appiccica e sporca tutto, e ci risucchia gli scarponi. Una recluta ha avuto i piedi bloccati nel fango, e poi anche le mani quando ha cercato di liberarsi…»

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Dicembre 2014 13:37
Leggi tutto...
 
Come farsi ubbidire dai figli senza urlare
Scritto da Administrator   
Martedì 11 Novembre 2014 12:37
Urlare ai figli non serve, anzi può peggiorare i loro comportamenti. Daniele Novara nel suo libro "Urlare non serve" spiega come affrontare in modo efficace i conflitti con i figli e non farsi travolgere da emozioni negative.

Urlare (o peggio, ricorrere a punizioni fisiche) non solo non serve a educare un bambino, ma anzi peggiora i comportamenti scorretti dei figli. Lo sostiene Daniele Novara nel suo libro “Urlare non serve a nulla” (Bur).

 

A dimostrarlo è anche uno studio pubblicato nel maggio 2014 su “Child Development” da  due ricercatori americani, Ming Te Wang e Sarah Kenny: le urla anziché migliorare il comportamento dei ragazzi lo peggiorano e inducono stati depressivi e antisociali. Leggi anche: Sculacciate, 10 motivi perché è meglio farne a meno

 

Ultimo aggiornamento Martedì 11 Novembre 2014 12:38
Leggi tutto...
 
Cambiare telefono costa, ma è contro la legge
Scritto da Administrator   
Lunedì 27 Ottobre 2014 19:31

Hai cambiato contratto di telefonia fissa e il tuo vecchio operatore ti ha fatto pagare una penale? Si tratta di una pratica abolita dalla legge. Altroconsumo ha presentato 6 ricorsi contro le principali compagnie telefoniche. Al momento ancora nessuna risposta.

Per facilitare la concorrenza nel settore della telefonia, dal 2007 le penali per la disattivazione delle linee sono state abolite. Aggirando quanto previsto dalla legge, tuttavia, gli operatori continuano a imporre i cosiddetti "contributi di disattivazione", ostacolando il recesso da parte dei consumatori. Recedere da un contratto telefonico o passare a un altro operatore, quindi, può costare da un minimo di 30 e può superare anche i 100 euro.

Ultimo aggiornamento Lunedì 27 Ottobre 2014 19:32
Leggi tutto...
 
caldo inquietante al centro/sud
Scritto da Administrator   
Lunedì 20 Ottobre 2014 11:43

E’ davvero inquietante il clima dell’Italia centro/meridionale in questi giorni: è dal 7 ottobre che le temperature massime superano in modo significativo i +30°C in molte località del mezzogiorno, e le temperature rimarranno così alte e anomale (anzi, saranno in ulteriore aumento) fino a mercoledì 22. Saranno, complessivamente, più di due settimane di super-caldo estivo con tanti picchi da record storici senza precedenti per il mese di ottobre, a cui seguirà l’improvviso arrivo dell’uragano Gonzalo che tra martedì sera e mercoledì mattina raggiungerà l’Italia meridionale provocando maltempo estremo e facendo crollare le temperature di oltre 15°C in poche ore.

Martedì pomeriggio, infatti, le temperature massime arriveranno a +32/+33°C in molte località del centro/sud, mercoledì alla stessa ora invece si farà fatica a superare i +17/+18°C nelle zone costiere sferzate da venti impetuosi e piogge torrenziali. Simili contrasti termici rappresentano un mix “esplosivo” per fenomeni estremi disastrosi. In modo specifico, è molto probabile che il maltempo di mercoledì sarà accompagnato da trombe d’aria particolarmente violente e grandinate pericolosissime. L’attesa è angosciante, come questo caldo anomalo tipico di luglio o agosto e assolutamente fuori stagione. Lo scriviamo da giorni che è un caldo preoccupante, che pagheremo con gli interessi. E questi interessi li sconteremo la prossima settimana, tra giovedì 23sabato 25 ottobre. Massima attenzione per fenomeni di maltempo molto violenti al Sud.

 
Quando un uomo anziano .....
Scritto da Administrator   
Martedì 14 Ottobre 2014 09:29

è morto nel reparto geriatrico di una casa di cura in un paese di campagna australiana , si credeva che nulla di valore egli avesse potuto lasciare.Più tardi , le infermiere sistemando i suoi pochi averi , trovarono questa poesia. La qualità ed il contenuto impressionarono lo staff che volle farne tante copie da distribuire agli infermieri di tutto l'ospedale.
Un'infermiera di Melbourne volle che una copia della poesia comparisse nelle edizioni di Natale delle riviste di tutto il paese come unico lascito di questo vecchio per i posteri e facendo in modo che figurasse su tutte le riviste per la salute mentale. E' stata anche fatta una raccolta di immagini dedicata a questa semplice ma eloquente poesia.
E così questo vecchio , che nulla pareva potesse dare al mondo, ora è l'autore di questa poesia ' anonima ' che vola attraverso la rete internet.
" Cranky " - uomo vecchio .....

Ultimo aggiornamento Martedì 14 Ottobre 2014 10:06
Leggi tutto...
 
Bollo auto verso l'abolizione??
Scritto da Administrator   
Mercoledì 08 Ottobre 2014 11:09

Per molti ma non per tutti...

Il bollo auto, tassa tra le più odiate dai contribuenti italiani, potrà essere quasi abolita per chi acquista un'auto nuova. La proposta di legge ha ricevuto il primo via libera ma la strada prima che diventi legge è ancora lunga.

Stop al bollo auto per tre anni per le auto nuove. Poi tassa che cresce all'aumentare delle emissioni. La commissione Finanze della Camera ha dato un primo sì a un vero e proprio 'sogno' degli italiani: non pagare più la tassa sul possesso dell'auto o della moto.

L'ACI stima che siano 34.4 milioni le automobili soggette al bollo, per un gettito complessivo di 6.45 miliardi di euro.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 08 Ottobre 2014 11:11
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 35
More Info

Statistiche

Utenti : 30
Contenuti : 886
Tot. visite contenuti : 1187406

Commenti Articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information