Cronaca di Roma
APRE la METRO C a ROMA
Scritto da Administrator   
Martedì 16 Settembre 2014 14:27

E’ confermata l’apertura per l’11 ottobre della tratta Pantano-Centocelle. Manca meno di un mese al giorno dell’inaugurazione del primo tratto della terza linea metropolitana della capitale.
Ad annunciare l’atteso evento è l’assessore alla mobilità Guido Improta con la seguente affermazione: “La metro C esiste ed è in buone condizioni e verrà aperta l’11 di ottobre. Dal punto di vista infrastrutturale non ci sono problemi, stiamo solo mettendo a punto la parte software del sistema driverless”.

Le precisazioni non tardano ad arrivare e aggiunge: “non tutto dipende dall’amministrazione, ma anche dalle tante imprese coinvolte; in questo momento l’impegno maggiore è a carico di una grande impresa italiana, l’Ansaldo, che è la fornitrice del sistema ‘Drive less’, ovvero la guida in automatico, senza macchinista, che sta ultimando i test“.

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Settembre 2014 14:32
Leggi tutto...
 
Cera, legno e vernice
Scritto da Administrator   
Martedì 09 Settembre 2014 08:59

Nel laboratorio della Confraternita del tarlo si dona nuova vita ai vecchi arredi

Mettersi in gioco, toccare la materia prima, dare nuova vita ad un oggetto del passato. La Confraternita del Tarlo cerca gente per un "lavoro sporco" e dal 17 al 21 settembre ci si potrà sporcare le mani insieme a loro. L'associazione infatti, in occasione della Festa del Riuso al mercatino di Porta Maggiore (via Sebastiano Grandis 7), allestirà degli stand dove chiunque potrà avvicinarsi ad un'arte in via d'estinzione: il restauro e la decorazione artistica del mobile. Portando con sé un oggetto d'antiquariato sarà possibile, insieme agli esperti della Confraternita, riconoscerne l'autenticità, l'epoca e provare, gratuitamente, a renderlo un arredamento da esporre fieri nel proprio salotto. 

L'attività dell'associazione nasce a marzo dell'anno scorso dalla voglia di far uscire dai garage le persone che amano lavorare il legno. Oltre ad essere fornito di attrezzature professionali, lo spazio di via Appia Nuova 771 è infatti anche un luogo dove condividere la passione per il restauro e le storie dietro quelli che, per molti, non sono solo pezzi di legno. Giovanissimi e ultrasessantenni dimenticano il gap generazionale che li separa e collaborano, sotto la guida dei professionisti, per liberare la vena artistica che è in loro.

Leggi tutto...
 
Illegalità e degrado, "Basta!": il M5S chiede aiuto ai cittadini
Scritto da Administrator   
Mercoledì 30 Luglio 2014 10:49

Illegalità e degrado, "Basta!": il M5S chiede aiuto ai cittadini
Di fronte al proliferare di bancarelle, ai cumuli d'immondizia, alle auto in terza fila, il M5S pone una domanda ai romani:"Tu, cosa sei disposto a fare?"

Illegalità e degrado, "Basta!": il M5S chiede aiuto ai cittadini

Una lettera accorata. Un invito alla responsabilità ed alla partecipazione. Ecco come definire l’iniziativa che il Consigliere del Municipio VII Andrea Coia, del Movimento a Cinque Stelle, ha deciso d’intraprendere. Scrivendo una lettera rivolta ai cittadini. “Vi scrivo per le numerose segnalazioni ricevute in merito ad un problema trasversale che ci colpisce tutti indiscriminatamente” esordisce la missiva.

UNA SITUAZIONE INTOLLERABILE - In realtà il Consigliere “grillino" sembra far riferimento ad una pluralità di problematiche che, nell’insieme, hanno innescato “una situazione divenuta intollerabile: ogni giorno ci alziamo e vediamo cumuli di immondizia che debordano dai cassonetti e rovinano la meravigliosa immagine della nostra amata città. Vediamo auto in seconda e terza fila che rallentano la viabilità e tengono prigionieri negozianti e cittadini rispettosi della legge - fa notare il Consigliere  -ogni giorno ci alziamo e vediamo bancarelle e frutterie che tengono in ostaggio interi quartieri recando intralcio alla circolazione e danno agli altri esercizi commerciali.Ogni giorno ci alziamo e vediamo furti e scippi che colpiscono anche i più deboli e poveri”.

RESPONSABILITA'  E PARTECIPAZIONE - Cosa fare dunque di fronte alle problematiche evidenziate? “E’ il momento di dire basta! Basta alla prevaricazione, basta alla maleducazione, basta alla criminalità”. Il segnale di discontinuità rispetto a quanto sta accadendo “non in qualche remoto paese del mondo,  e neppure a qualcuno che non conosciamo, perché –eccepisce Coia - avviene nella nostra città ed a noi” sembra volersi indirizzare ad un’intera comunità. “ Io mi sono chiesto  cosa posso fare per cambiare questa situazione e quindi  mi metto a disposizione come cittadino e come consigliere per denunciare il problema e trovare possibili soluzioni politiche e tecniche.  Ora la domanda è – conclude il Consigliere del Movimento 5 Stelle – Tu, che cosa sei disposto a fare ?”



Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Luglio 2014 11:56
 
ROMA: Raccolta a domicilio rifiuti ingombranti
Scritto da Administrator   
Martedì 24 Giugno 2014 15:29
Servizio gratuito
  • Per le famiglie il servizio è gratuito con ritiro al piano stradale e fino a 2 metri cubi di materiale. Vedi la tabella con le indicazioni sui materiali e sui metri cubi.
  • Si possono richiedere fino a dodici ritiri gratuiti annui, massimo due volte al mese.
  • Se il volume supera i 2 metri cubi si paga la tariffa indicata nella tabella
  • Si ricorda che per la richiesta occorre il codice utente della Tariffa Rifiuti abitativa che si trova sulla bolletta.
  • Fino al 27 luglio 2014 il ritiro è gratuito anche al piano dell’abitazione fino a 2 mc. Si può usufruire di 1 solo ritiro gratuito. Il servizio viene sospeso se il codice utente della Tariffa Rifiuti viene utilizzato più volte.
Ultimo aggiornamento Martedì 24 Giugno 2014 15:37
Leggi tutto...
 
Materassi abbandonati?? facciamo la giornata rom và...
Scritto da Administrator   
Martedì 24 Giugno 2014 10:37

Una truffa con in mezzo la complicità di alcuni cittadini romeni. Un’operazione per “rottamare” i vecchi materassi con dentro la fregatura. Che in questo caso finiva sulle spalle della collettività… direttamente in mezzo alla strada. A scoprirla è stato il quotidiano “Il Messaggero che dopo alcune segnalazioni dei cittadini ha voluto guardare a fondo alla storia scoprendo un insospettabile giro.

Un sistema illegale, un vero racket, che i carabinieri di Roma hanno scoperto e smascherato dopo le segnalazioni dei cittadini esasperati da tutti quei materassi in strada. L’operazione “Torpignaflex“, bizzarra fusione tra il nome del quartiere Torpignattara e il nome di tante marche di materassi, potrebbe presto coinvolgere altri commercianti. Il rischio, però, è al massimo una multa da 3.300 euro:

«Un sistema – spiega Anselmo Ricci, responsabile della divisione Pics al Messaggero – utilizzato anche da altri rivenditori, su cui in queste ore sono incentrate le indagini. Spesso ci troviamo di fronte a imprenditori e commercianti senza scrupoli, non curanti dei gravi danni all’ambiente, e disposti a rischiare fino a 3.300 euro di multa a fronte di un guadagno illecito enorme».

A VIA APPIA E VIA GENZANO – Due negozi di via Appia Nuova e via Genzano a Torpignattara avevano inventato la “rottamazione” dei materassi. Con questa idea riuscivano a vendere il materasso nuovo garantendo al cliente lo smaltimento per una piccola cifra in più. Ma (e qui scatta la truffa), anzichè avviare la normale procedura di smaltimento presso l’Ama venivano contattati alcuni Rom che si prendevano una somma molto più piccola dei venti euro richiesti, e in maniera del tutto illegale venivano dati a loro i materassi. Che però, puntualmente, finivano ai margini delle strade accanto ai cassonetti o venivano portati in zone ultraperiferiche dove qualcun altro si dedicava a smembrarli per ricavare molle e materiali ferrosi destinati alla vendita delle ferraglie.

DUE PREGIUDICATI SCOVATI DAI VIGILI – Autori dell’operazione illegale due romeni con precedenti penali che i vigili urbani del gruppo Pics della polizia locale di Roma capitale hanno scovato al termine di una serie di indagini. Indagini che dopo Tor Pignattara e Appio, stanno estendendosi ai quartieri di Montesacro e sulla via Salaria.

 

 

 
Cannabis, perché legalizzare conviene
Scritto da Administrator   
Mercoledì 15 Gennaio 2014 17:36

La fine del proibizionismo, spiegano gli esperti, darebbe una mazzata al giro d'affari della criminalità organizzata, mentre lo Stato potrebbe incassare dalla legalizzazione fino a 8 miliardi di euro e risparmiare somme enormi investite per la repressione del fenomeno. E per la prima volta, dopo le aperture di esponenti di Lega, Sel e Pd, l'argomento potrebbe essere all'ordine del giorno del governo.

Possibile che anche in Italia si riesca a liberalizare la cannabis? Ora come ora, ci credono in pochi. Le resistenze sono enormi, la cultura proibizionista è ancora forte, e il governo Letta sembra troppo debole per poter pensare di varare un provvedimento così delicato. Eppure, quando persino esponenti di primo piano di una forza conservatrice come la Lega Nord aprono alla depenalizzazione e all'uso terapeutico, vuol dire che qualche margine in più per discutere di un tabù sempre più demodé nel resto del mondo esiste.

Non è un caso che, dopo l'apertura a sorpresa dell'assessore lumbard Gianni Fava a fumate libere, il leader di Sel Nichi Vendola abbia chiesto via Twitter di superare la legge repressiva firmata da Fini e Giovanardi legalizzando al più presto gli spinelli, e che Luigi Manconi, senatore del Pd, abbia annunciato di aver depositato un disegno di legge per depenalizzare la coltivazione e la cessione di cannabis e affini.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 15 Gennaio 2014 17:48
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 17
More Info

Statistiche

Utenti : 30
Contenuti : 887
Tot. visite contenuti : 1217124

Commenti Articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information