Strano ma Vero
Super mamma dell'Arkansas è incinta per la 19esima volta
Scritto da Dano   
Venerdì 04 Settembre 2009 21:56
Dopo aver dato alla luce, lo scorso dicembre, la diciottesima figlia, una donna dello Stato Usa dell’Arkansas è adesso incinta del bebè numero 19. Mamma e papà, Michelle e Jim Bob Duggar, hanno avuto il loro primo figlio 21 anni fa. Probabilmente la mamma, e futura nonna visto che la moglie del suo primogenito Josh aspetta una bimba, non pensava più a una possibile gravidanza.

Visto la sua forma fisica non perfetta aveva perfino pensato di mettersi a dieta. Quei chilogrammi di troppo erano dovuti tuttavia non alla vita sedentaria, che con 18 figli di certo non può avere, ma a qualcosa di diverso: la famiglia Duggar si arricchirà di un nuovo nato, atteso per il 18 marzo del prossimo anno. Michelle e il marito che vivono a Tontitown, sono contentissimi anche se dopo quest’ultima gravidanza è altamente probabile dovranno trovare un modo per evitare l’arrivo del 20esimo bebè.

Gli altri figli dei Duggar sono Jana e John-David, 19 anni; Jill, 18; Jessa, 17; Jinger, 15; Joseph, 14; Josiah, 13; Joy-Anna, 12; Jeremiah e Jedidiah, 10; Jason, 9; James, 8; Justin, 7; Jackson, 5; Johannah, 4; Jennifer, 2 e la piccola Jordyn Grace.
Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Settembre 2009 22:02
 
Il bikini solubile, si scioglie al contatto con l'acqua
Scritto da Dano   
Martedì 04 Agosto 2009 13:56

Si chiama “Get naked bikini” il costume da bagno impertinente che scompare appena viene messo a contatto con l'acqua. Il prodotto, inventato da una società tedesca, è stato creato non per la gioia degli ambientalisti ma la voglia di vendetta che alcuni uomini covano nei confronti della propria ex. La malcapitata che indossa l’indumento in questione, infatti, finisce irrimediabilmente per restare nuda in mezzo agli sguardi indiscreti delle persone che affollano la spiaggia. 

Ultimo aggiornamento Martedì 04 Agosto 2009 13:57
Leggi tutto...
 
Cannibale pentito cerca una donna che possa amarlo
Scritto da Dano   
Giovedì 30 Luglio 2009 12:02

Nella vita c’è sempre chi ti da una seconda chance e Sumanto, cannibale residente nell’isola di Java condannato per aver riesumato e divorato il cadavere di una vecchia per ottenere quello che all’epoca definì “un pasto delizioso ed economico", spera proprio di avere un’opportunità. L’uomo, stando a quanto riferisce l’Agence France-Presse, sarebbe stato di recente scarcerato e proprio in questi giorni starebbe cercando la sua anima gemella.
Allora donne...cosa aspettate... fatevi sottooooo!!!

Ultimo aggiornamento Giovedì 30 Luglio 2009 12:06
 
Che bello, due amici 'na chitarra e il....MARIJUANCELLO!!!
Scritto da Dano   
Martedì 28 Luglio 2009 14:33
Il liquore più famoso della Campania è certamente il limoncello. Tale bevanda, sebbene apprezzata in tutto lo Stivale, non sembra tuttavia in grado di soddisfare i bevitori più esigenti, quelli da sempre affascinati ed attratti dai nuovi sapori, anche quelli più “ricercati”. Manlio Chianchiano, 60enne napoletano con la passione per il giardinaggio, è stato arrestato dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia Vomero perché possessore di un orticello in cui amava coltivare marijuana utilizzata poi per la produzione di uno speciale liquore: il marijuancello.

Una nuova specialità Campana - Il produttore, già noto alle forze dell'ordine, con la sua nuova specialità aveva incontrato il favore di molti consumatori che, dopo i pasti, amavano mandar giù un bicchierino ghiacciato di quella speciale bevanda. I militari hanno scoperto l’insolito e illegale prodotto durante una perquisizione domiciliare effettuata successivamente al sequestro di 10 piante di marijuana che il piccolo coltivatore amava accudire nel suo tempo libero.

Il liquore per passare l'estate "al fresco" - Nel corso della ispezione, infatti, i carabinieri si sono imbattuti in un particolare recipiente di vetro chiuso ermeticamente. Al suo interno vi era una soluzione liquida di alcool puro dove erano state poste a macerare numerosissime foglie di cannabis. Chianchiano è in attesa di processo per rito direttissimo.
Ultimo aggiornamento Martedì 28 Luglio 2009 14:34
 
Costipazioni estreme, paziente romeno "bloccato" da due martelli
Scritto da Dano   
Venerdì 24 Luglio 2009 14:33
Per avere un intestino regolare si possono mangiare yogurt, marmellate o prendere medicinali specifici ma, in nessun caso, si deve tentare di liberare le vie “ostruite” con l’ausilio dei martelli. Se vi diciamo queste cose è soltanto perché, sebbene possa sembrare impossibile, esistono delle persone che tentano di alleviare i propri problemi intestinali con questi insoliti e di fatto pericolosi strumenti nati, non a caso, per altri scopi. Viorel Firoiu, un romeno 48enne affetto da una grave forma di stipsi, avrebbe tentato di “curarsi” così, ma i risultati ottenuti confermano la tesi secondo la quale certi attrezzi non possono esser usati in tutte le situazioni!


Per fortuna aveva finito i martelli
- Stando a quanto riportato sulle pagine dell’Austrian Times, che ha ripreso l’incredibile vicenda, Firoiu, dopo aver inutilmente provato ad allentare la propria sofferenza con i metodi tradizionali, avrebbe preso un martello e se lo sarebbe infilato nell’orifizio anale, certo di poter migliorare la propria situazione. La testa del martello, ironia della sorte, si è staccata dal manico, mettendo lo sfortunato e ora ancor più dolorante Viorel in una situazione ancor peggiore di quella iniziale. In alcune situazioni non si deve però perder la testa. Preso un secondo martello ha tentato a questo punto di rimuovere il primo ma, ancora una volta, il destino, ha fatto sì che il pezzo di ferro gli rimanesse incastrato.

Quando si è infilato i due martelli era già completamente sbronzo - Il romeno, sebbene con un poco di ritardo, ha compreso che forse era meglio recarsi in ospedale dove delle persone più qualificate di lui, attrezzate con strumenti più idonei, potevano aiutarlo. L’uomo si è presentato all’ospedale di Orlea, nel sud della Romania, lamentando dei forti dolori addominali ma ha preferito non precisare cosa avesse combinato. “Diceva di avere mangiato delle ciliegie e che queste lo avevano lasciato fortemente costipato”, ha raccontato la portavoce del nosocomio. I medici ritengono che l’uomo si sia ubriacato per non sentire il dolore e, da sbronzo, abbia fatto ciò che poi hanno confermato anche le lastre.
Ultimo aggiornamento Venerdì 24 Luglio 2009 14:36
 
La moda di entrare nel Viddan Group si è allargata
Scritto da Dany   
Martedì 21 Luglio 2009 09:48

Portarsi a casa l'arredamento dagli hotel di gran lusso

Fare una vacanza esclusiva, scegliendo hotel di lusso fuori dal comune, e portarsi a casa un souvenir davvero d’eccezione, come un arredo Cavalli o un’opera d’arte appartenenti all’hotel, a prezzi scontati. Come ricordo o come originale regalo da portare al proprio arrivo.E’ l’ultima, eccentrica moda del mondo del lusso: gli hotel esclusivi che offrono questo tipo di “servizio” sono già diversi. Il Belvita Romantik Hotel Turm di Bolzano ad esempio, ricavato all’interno di una torre del XII secolo, offre come souvenir quadri, opere d’arte, oggetti di design, come ad esempio un’intera suite arredata da Roberto Cavalli con letto, chaise longue e quant’altro.Al Feeling Hotel Luise di Riva del Garda invece si possono portare a casa pezzi autentici del design vintage anni 50: una vespa Piaggio del 1953, un frigorifero Coca Cola del 1956, un Juke Box originale del 1959.Al Borgo Casale di Albareto nel parmense si possono acquistare gli arredi delle camere e delle sale comuni già da qualche anno, mentre all’Aquadulci di Chia nel cagliaritano ci si può riempire la valigia di manufatti tipici sardi, tessuti intrecciati a mano e sculture in metallo “boes”.

Ultimo aggiornamento Martedì 21 Luglio 2009 10:19
 
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. > Fine >>

Pagina 16 di 21
More Info

Statistiche

Utenti : 30
Contenuti : 887
Tot. visite contenuti : 1278130

Commenti Articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information